Quando parliamo di indicatori ci stiamo occupando di input visivi fissati sui grafici, risultato di calcoli statistici, che si occupano di volume e prezzo mutevole in uno specifico lasso di tempo.

Gli indicatori individuano lo sviluppo del nostro cross, dando indicazioni concrete sulla tendenza futura per un trade di successo.

È bene iniziare a studiare un indicatore per volta, e di norma, una volta a conoscenza delle proprietà di ognuno, bisogna essere in grado comunque di sceglierne pochi ma giusti per ogni investimento.

Saper leggere un grafico colmo di segnali potrebbe essere la base per un investimento di successo.

Sono strumenti che aiutano l’Analisi tecnica, non danno certezze assolute nel prevedere il futuro quindi non vanno usati da soli.

Da che parte iniziare

Come prima cosa bisogna distinguere tra di loro i termini ‘indicatori’ e ‘oscillatori’.

I primi raffigurati, direttamente sul grafico, segnalano lo stato del nostro cross.

I secondi, poiché sono segnati fuori dallo schema più importante hanno spostamenti di massimo e minimo all’interno di valori di riferimento.

Ci sono indicatori e oscillatori più importanti di altri, che saranno i capisaldi su cui costruire le conoscenze del Forex trading.
A seguire una guida sugli oscillatori più usati per la loro importanza.

Per fare pratica si può usare un broker forex con conto demo gratuito, così da non investire il nostro capitale agli inizi visto la non troppa esperienza.

Media mobile

È un indicatore molto semplice da applicare. Conosciuto anche col termine ‘moving average’ ha la caratteristica di essere semplice, esponenziale o pesata. Cercandolo nel grafico sarà una linea che passerà attraverso le candele dei prezzi.

Analizzando i pro e i contro, riteniamo che possa essere, se utilizzata in maniera costruttiva, un buon ausilio per un investimento di successo.

Il loro uso è finalizzato a due obiettivi: fissare la tendenza base dello strumento osservato e produrre segnali di compravendita validi, e come per altri strumenti, il suo uso da solo non basta ad attuare una strategia efficace di trading.

Possiamo definire la Media mobile il valore intermedio tra una serie di elementi simili. Questo strumento ha il compito di ripulire i trend azionari dalle distorsioni a breve termine, configurando limpidamente l’andamento dei mercati.

Vedi: Media Mobile

Relative Strenght Index (RSI)

È uno strumento fondamentale per definire condizioni di ipercomprato e ipervenduto.
Si può usare in combinazione con la media mobile e altri strumenti d’analisi.

Vedi: RSI Relative Strenght Index

MACD (Moving Average Convergence Divergence)

Oscillatore molto allettante che è bene approfondire per scoprire avvisi di vendita o di acquisto. È apprezzato dai traders in tutto il mondo per la sua semplicità e flessibilità perché può essere utilizzato sia come indicatore di tendenza o momento.

Creato da Gerald Appel, riconosciuto nel campo dell’analisi tecnica di mercato, è considerato strumento di trading essenziali per molti traders. Il MACD è usato per la creazione di grafici da parte degli investitori e dei gestori di fondi allo stesso modo.

È costruito considerando la differenza di una media mobile esponenziale a 12 periodi e di una a 26. La linea, che ne risulta, dondola sopra e sotto una linea di centro collocata a un valore zero.

Vedi: MACD o Moving Average Convergence/Divergence

Abbiamo visto quali sono gli indicatori più rilevanti, quelli che ogni investitore dovrebbe padroneggiare con facilità.

Da tutto quello detto fino ad ora, la tendenza di un bravo trader deve essere quella di non complicarsi la strategia affollando i grafici tecnici con tante figure inutili ai fini dello studio, onde evitare confusione inutile.

Gli indicatori vanno usati in abbinamento tra loro, ma non tutti insieme anche alternandoli tra di loro, così da avere sempre uno schema ordinato.

Oscillatore stocastico

L’oscillatore stocastico è uno strumento tecnico di analisi algoritmica, utilizzato come indicatore per ottenere risultati positivi nel trading, adoperato dagli investitori online per fare trading di qualità.
Cosa è l’Oscillatore stocastico

Quando parliamo di oscillatore stocastico, facciamo riferimento a quell’ indicatore o grafico presente non solo nelle opzioni binarie ma anche e soprattutto nei mercati del Forex.

Tale strumento ci consente di analizzare i massimi e i minimi del mercato, basilare per individuare quei segnali di trading definiti come ipercomprato o ipervenduto.

Vedi: Oscillatore Stocastico