Il Forex Trading in Italia

Il Forex Trading in Italia è una forma di investimento finanziaria in forte aumento. Sempre più persone decidono di investire nel mercato valutario. Ma come comportarsi dal punto di vista delle tasse in caso di elevati guadagni?

È proprio quello che scopriremo in quest’articolo, ma prima bisogna sapere cosa si intende per Forex trading, come è nato e le principali caratteristiche.

Cosa si intende per Forex trading?

Il Forex trading in Italia è un’attività finanziaria molto in voga nell’ultimo periodo.
Si tratta del mercato finanziario più grande a livello internazionale senza avere neppure una sede fisica centrale.

Il mercato Forex si occupa esclusivamente dei cambi delle valute.

L’intento principale in questo mercato è la speculazione delle maggiori coppie di valute, attraverso il cosiddetto tasso di cambio, cioè il valore di riferimento per la negoziazione delle valute, appunto.

Se si riesce a interpretare il mercato in anticipo è possibile guadagnare elevati profitti, derivati proprio dallo sfruttamento delle differenti oscillazioni di prezzo delle diverse coppia di valute.

É possibile, inoltre, investire quando si desidera, perché il Forex è aperto tutti i giorni, tranne che nel fine settimana.
La maggior parte delle negoziazioni di valute viene scambiato a soli scopi speculativi. Si parla addirittura del 90/95% pari a un valore di 5.5 mila miliardi di dollari giornalieri.

È chiaro che “non è tutto oro ciò che luccica”. Si tratta, infatti, di un tipo di investimento non facile ed è possibile anche perdere il capitale investito.

Proprio per minimizzare i rischi è essenziale saper interpretare i grafici di riferimento, comprendere i segnali, e soprattutto, come accennato prima, anticipare i futuri andamenti di prezzo. Non solo, è estremamente importante anche rimanere costantemente aggiornato sulle notizie di macro economia.
Infine, bisogna effettuare ancheuna buona analisi e possedere caratteristiche caratteriali specifiche, come talento, pazienza, disciplina nella gestione, razionalità. Solo in questo modo sarà possibile avere il successo desiderato.

Detto questo, bisogna anche affermare che la compravendita di valute avviene in coppia, ovvero si compra e si vende nello stesso istante. Per esempio si vende l’euro contemporaneamente si acquista il dollaro.

Come scegliere il miglior Broker

Se si investe nel Forex trading in Italia, così come nelle altre parti del mondo, bisogna iscriversi su una piattaforma online, chiamata broker forex.

Ma quale scegliere?

Per prima cosa per effettuare una buona scelta è necessario controllare se si tratta di un broker regolamentato, ovvero deve avere una licenza rilasciata da organi di controllo e vigilanza come la CySEC.

Un’ulteriore fattore da considerare è un’assistenza clienti 24h24, per eventuali problematiche che si possono incontrare. Disponibilità e professionalità sono elementi fondamentali che un trader deve valutare.

Un’altra caratteristica è che la piattaforma deve garantire l’operatività nel mercato delle valute in modo tempestivo e in totale sicurezza.
Rilevanti per la scelta sono anche le commissioni e i costi relativi al conto per il trading online, è necessario effettuare sempre un’analisi di mercato.

Per concludere, bisogna considerare anche il deposito minimo per l’apertura conto e il versamento per ogni singola operazione, oltre che la possibilità di usufruire di un conto gratuito in versione demo.

Leggi la nostra guida su come scegliere un Broker Forex.

Il Broker Forex iqoption

Una delle cose più difficili da fare quando si tratta di trading online sul Forex è la scelta del broker. Ci sono centinaia di broker fra cui scegliere. Questo è il motivo per cui cerchiamo di fare le nostre recensioni nel maniera più seria, sappiamo, inoltre che il tempo a vostra disposizione è molto limitato per visitare tutti questi siti per fare trading.

Iniziamo con il parlarvi di un broker innovativo, iqoption.

IQ Option.com nasce nel 2013 e da allora ha conquistato un numero costante di investitori.

Iniziamo dalla parte più importante, i regolamenti, che sono l’aspetto della ricerca del broker fondamentale da considerare durante la ricerca e la scelta del broker. IQ Option.com è pienamente regolamentata dalla CySEC (UE) e autorizzata dalla autorità di regolamentazione italiana CONSOB.

IQ Option.com offre ai suoi clienti diverse funzionalità, partiamo dai prodotti di investimento che puoi scegliere, ci sono vari mercati finanziari, che includono Forex, criptovalute, ETF, azioni, materie prime attraverso i Contratti per differenza.

La sua piattaforma è webtrader, molto semplice da utilizzare, intuitiva. Include grafici e indicatori tecnici che si possono personalizzare. Proprio sulla piattaforma puoi trovare video tutorial dove puoi comprendere velocemente il funzionamento della piattaforma e come funziona il trading su CFD. La piattaforma viene offerta anche attraverso App mobile disponibile per tutti i sistemi operativi.

IQ Option.com offre anche un unico account di trading, che per aprirlo il deposito minimo è di 10.00€, inoltre offre a tutti, gratuitamente, un conto demo dove potrai, in tutta sicurezza conoscere ed esplorare la piattaforma offerta con le sue funzioni e servizi. Il conto demo non ha limite di utilizzo, e può essere utilizzata anche dopo aver aperto un conto live con il broker.

Il supporto clienti è sempre a disposizione 24 ore su 24 per 7 giorni alla settimana, sono professionali e rapidi nel rispondere.

Come nasce il Forex

Il Forex market è un mercato finanziario monetario, nato nel 1971. All’inizio era utilizzato solo da banche, broker e istituti di credito.
Il Forex trading è nato grazie a un accordo internazionale denominato Bretton Woods Agreement, prima di allora era vietata la speculazione sui mercati valutari.

Gli accordi di Bretton Woods erano stati conclusi nel 1944 con il fine di stabilizzare le valute internazionali e prevenire la fuga dei capitali tra le nazioni.

Inoltre tali accordi fissarono un tasso di cambio tra ogni valuta con il dollaro americano e fissarono il tasso di cambio tra il dollaro e l’oro, chiamato il cosiddetto gold exchange standard per evitare i fenomeni dell’inflazione.

A partire dal 1973, le valute di tutti gli Stati maggiormente industrializzati furono caratterizzati da un livello elevato di fluttuazione, perché spinte principalmente dalle forze dell’offerta e della domanda.

L’avvento di internet e dei progressi tecnologici hanno quindi portato alla situazione attuale, ovvero a piattaforme online altamente innovative e “performanti”, con cui i trader di tutto il mondo possono investire in tempo reale.

Leggi la Storia del Forex.

Le tasse nel Forex trading in Italia

I rendimenti ottenuti dal Forex trading in Italia sono soggetti a imposte e tasse solo se le valute acquistate sono tenute oltre i 7 giorni lavorativi prima di venderle e se il loro importo supera i 51.645,69 euro (art.67 D.P.R. 917/86).

In sostanza, il Forex trading in Italia è quasi privo di tasse, perché di solito i trade si aprono e si chiudono nello stesso giorno,

in questo modo non c’è alcun vincolo dei 7 giorni richiesti dalla Legge per far scattare la tassazione.
Non solo, addirittura diversi trader adottano diverse strategie, tra queste, ce n’è una che consiste nel guadagnare online con i picchi, chiudendo le posizioni dopo solo pochi minuti.

iqoption trading

Leave a Reply